RENZI METTI A NUOVO LA NOSTRA SCUOLA

 Da Cerro l'SOS di Solidarietà Civica per le elementari di Riozzo

 IL GOVERNO punta al rilancio dell’edilizia scolastica. «Si cominci dal Sud Milano», è l’appello in arrivo dal territorio.

Anche a livello locale, si accende il dibattito sulle condizioni e la capienza degli edifici scolastici, dopo che il neo presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato la volontà di liberare risorse per la riqualificazione dei centri didattici del Bel Paese.

SECONDO le indicazioni in arrivo da Roma, gli enti locali hanno tempo fino al 1S marzo per segnalare a Palazzo Chigi le strutture che necessitano di una sistemata. Ogni sindaco ha la possibilità di indicare un edificio A Cerro, la lista Solidarietà Civica Indipendente coglie l’occasione per lanciare una proposta: «Ammodernare la scuola primaria di Riozzo. Il sindaco segnali questa situazione all'Esecutivo centrale».

«Nel nostro Comune l’amministrazione ha in cantiere un progetto pantagruelico per la realizzazione di un nuovo plesso scolastico.

LA SCADENZA Entro ii 15 gli enti locali devono segnalare a Roma un istituto da sistemare.

Un progetto dispendioso sul fronte economico e macchinoso per le manutenzioni che si renderanno necessarie — spiega Giovanni Papetti. capogruppo di Solidarietà Civica, una lista che in Consiglio siede all'opposizione — Anziché imbarcarsi in quest’opera faraonica, si potrebbe cogliere l’opportunità offerta dal Governo: cercare di ottenere dei fondi per l’ammodernamento della già esistente scuola elementare.

L’EDIFICIO, con sede nella frazione di Riozzo, ospita oltre 200 bambini. La palestra e l'impianto di riscaldamento sono fra i settori che, più di altri, sentono il peso degli anni. Non solo. Un’eventuale riqualificazione consentirebbe di adeguare il centro didattico alle esigenze di una popolazione in crescita, in un Comune di 5 mila abitanti che negli ultimi tempi ha conosciuto un significativo incremento demografico.

«Invitiamo l’amministrazione — ribadisce Papetti — a non lasciarsi sfuggire un’occasione, che potrebbe rivelarsi preziosa». l,a questione passa ora nelle mani del sindaco Marco Sassi e della sua Giunta.

CERRO non è l’unico Comune del Sud Milano dove le scuole avrebbero bisogno di un recupero. A Melegnano, non più tardi di due mesi fa, i genitori dell'istituto Benini (liceo scientifico e Pacle) hanno raccolto oltre 300 firme per chiedere alla Provincia una manutenzione più attenta dei plessi che accolgono ogni anno circa 600 iscritti. A San Donato è esploso di recente il problema della palestra dcll’(Onnicomprensivo, il grande polo educativo che comprende licei e istituti tecnici. Interrato, il locale per gli allenamenti si trova in corrispondenza di una falda: quando piove, la falda si gonfia e il liquido penetraall’interno.

Alessandra.zanardi@il giorno.net

Scarica l'articolo icona pdf